Acari tetranichidi nelle piante

Cosa accade quando si verifica un infestazione di Acari tetranichidi nelle piante? I tetranichidi colpiscono molti raccolti in tutto il mondo. Gli acari sono insetti molto piccoli con una forte capacità riproduttiva capace di distruggere il tuo raccolto in un breve lasso di tempo.

Acari tetranichidi nelle piante, cosa devi sapere!

Se sospetti di avere un’infestazione, devi agire in fretta! Quindi non perdiamo tempo e scopriamo subito come sbarazzarci degli acari su una pianta di cannabis. L’acaro più noto e problematico tra i tetranichidi è il Tetranychus urticae (chiamato comunemente ragnetto rosso o ragnetto rosso bimaculato). La capacità di riproduzione di quest’acaro è estremamente rapida, fatto per cui gli permette di causare danni enormi in un breve periodo di tempo.

Assicurati che siano Acari tetranichidi!

Prima di iniziare a usare un qualsiasi pesticida, devi essere sicuro che l’Acaro che stai per combattere sia effettivamente il ragnetto rosso. Avere una diagnosi accurata del problema significa essere a metà strada per risolverlo. ATTENZIONE, se sai già di avere il ragnetto rosso, perché hai visto le loro ragnatele sulle tue piante, potrebbe essere già troppo tardi per il tuo raccolto.

Come identificare gli acari del ragno su una pianta di cannabis

Acari tetranichidi nelle piante

Quando gli acari del ragno mangiano, le loro piccole bocche perforano le pareti cellulari delle foglie della cannabis. Aspirano la clorofilla e altri succhi, lasciano le foglie con dei piccoli puntini bianchi. Questo farà apparire piccoli punti bianchi sulle tue foglie.

Gli acari del ragno sono molto difficili da vedere ad occhio nudo. Si riproducono anche molto rapidamente, il che significa che se non agisci rapidamente, la tua grow room sarà presto infestata. Se le piante sono state infestate da acari del ragno, potresti notare una ragnatela sulle piantine. La quantità di ragnatela prodotta è tale da appesantire la pianta che sta morendo, crollando la pianta atterrerà su un’altra pianta, innescando un ulteriore problema.

Se non identificati e trattati rapidamente, gli acari del ragno uccideranno l’intero raccolto!

 

Primo step

Prova a usare una lente d’ingrandimento sul lato inferiore delle foglie. Con un po’ di pazienza, potresti essere in grado di vedere un piccolo acaro. Gli Acari tetranichidi nelle piante di cannabis hanno una lunghezza inferiore a un millimetro da adulti.

Per capire come uccidere gli acari di ragno su una pianta di cannabis, devi capire un po’ del loro ciclo di vita. Purtroppo la disinfestazione non sarà un lavoro unico, per ucciderli tutti, avrai bisogno di numerosi trattamenti distanziati a tre giorni di distanza.

Il ciclo di vita di un acaro ragno

Gli acari del ragno passano dalle uova alla maturità sessuale in poco più di una settimana. A questo punto, saranno in grado di deporre più uova e il ciclo continua. Considerato che l’acaro ragno femmina adulto depone fino a 1 milione di uova in un mese e che le uova si schiudono dopo circa tre giorni, non c’è tempo da perdere!!!

La larva degli acari di ragno inizierà a mangiare le foglie e la materia vegetale, e dopo pochi giorni, “muterà” nel suo stadio di protonimia. Questo processo continua per la settimana successiva fino a quando l’acaro del ragno ha raggiunto la maturità sessuale. Alleverà e deporrà più uova, che seguiranno tutte lo stesso ciclo. Se non catturato in anticipo, un infestazione di acari del ragno può apparire dal nulla. Migliaia di uova possono schiudersi durante la notte e entro una settimana, metà di quelle uova, deporranno altre migliaia di uova. 

Uccidere acari di ragno su una pianta di cannabis

Gli acari del ragno depongono le uova sul lato inferiore delle foglie, quindi possono essere difficili da raggiungere. Gli acari di ragno femmina adulta sono la più grande minaccia. Devi ridurre la quantità di uova deposte per prime, quindi devi uccidere le femmine. Saranno il tuo obiettivo principale. Prima di iniziare, rimuovi le piante dalla tua grow room.

La grow room dovrà essere pulita con disinfettanti mentre le piante non sono presenti. Pulisci la grow room, quindi passa al fissaggio delle piante. Indipendentemente dal metodo scelto per uccidere gli acari del ragno, dovrai assicurarti che anche la tua grow room sia libera da eventuali insetti. È una perdita di tempo curare le piante, per poi rimetterle in una stanza di coltivazione infestata.

Pesticidi per uccidere gli acari di ragno

I pesticidi possono essere dannosi per la salute e l’ambiente, ed è importante scegliere quello giusto per il lavoro. Usa uno di questi pesticidi durante la vegetazione e la fioritura precoce.

Pesticidi all’olio di Neem

Il pesticida all’olio di Neem è un ottimo modo efficace e organico per trattare i parassiti su una pianta di cannabis. Ha un odore piuttosto cattivo, ma ucciderà e scoraggerà eventuali bug nella tua grow room. Questo dovrebbe far parte di qualsiasi arsenale di grow room e dovrebbe essere usato regolarmente per impedire ai bug di spostarsi nella grow room.

Pesticidi Piretrinici

Le piretrine si trovano naturalmente nei fiori di crisantemo. Sono un mix di sei sostanze chimiche diverse, dannose per gli insetti. Le piretrine sono comunemente usate per controllare acari, tripidi, afidi, moscerini e molti altri parassiti che possono essere trovati nella tua grow room. Ci sono molti pesticidi che contengono piretrine. Ognuno di loro funzionerà. Devi solo applicarli correttamente a seconda del tipo di infestazione che hai. La routine è importante. Per curare gli acari di ragno, utilizzalo ogni 3 giorni, per tre trattamenti.

Uso di insetti predatori per uccidere gli Acari tetranichidi nelle piante

In alcuni casi, potresti essere preso di mira nella fase di fioritura. Questa è una situazione difficile, perché non puoi spruzzare i fiori con sostanze chimiche. Non solo influenzerà il sapore e l’odore della cannabis, ma potrebbe causare problemi di salute a lungo termine se fumi queste sostanze chimiche.

L’introduzione di insetti benefici al posto dei pesticidi chimici è un’opzione. Gli insetti sono carnivori e mangeranno le uova, la larva e gli acari del ragno adulto sulle piante. Non mangeranno le piante, ovviamente, produrranno rifiuti e li lasceranno sui tuoi germogli. Se hai un problema con i parassiti, nel periodo di fioritura, indipendentemente da come tratti l’infestazione, è sempre bene lavare le gemme dopo il raccolto.

Predatori per uccidere la maggior parte degli acari

  • Phytoseiulus persimilis.
  • Neoseiulus californicus.
  • Amblyseius andersoni.
  • Amblyseius fallacis.
  • Mesosiulus longipes.
  • Galendromus occidentalis.
  • Spidermite Killers – Feltiella acarisuga, Stethorus punctillum.
  • Predatori Generali: 
      • Coccinella.
      • Insetto Assassino.
      • Merletto Verde.
      • Insetto Pirata Minuto.

Usare i predatori quando non c’è altra opzione. Neem oil spray ti darà buoni risultati e anche il lavaggio delle gemme è sempre un’opzione. Ora hai scelto la tua arma. Cominciamo a trattare l’infestazione.

Ripeti questo trattamento tre volte. Una volta ogni tre giorni!

La maggior parte dei pesticidi non sarà in grado di uccidere le uova degli acari. Dobbiamo trattare la pianta di cannabis ogni tre giorni poiché questo è il tempo necessario affinché le uova degli acari di ragno si schiudono.

  1. Il primo trattamento dovrebbe uccidere gli adulti e non dovrebbero essere deposte più uova. Ma alcuni acari di ragno sarebbero sopravvissuti e alcune uova si sarebbero schiuse negli ultimi due giorni. Trattare tre giorni dopo il primo trattamento assicurerà che altri acari che si sono schiusi siano uccisi prima che si riproducano.

Conclusione

Se sei fortemente in fiore, potresti prendere in considerazione l’uso degli insetti predatori per uccidere gli acari del ragno. Qualunque sia il metodo che decidi di utilizzare per uccidere gli acari del ragno sulla tua pianta di cannabis, dovrai prima di tutto scoprire come sono arrivati ​​nella grow room. Ricorda, prevenire è meglio che curare! Scopri come sono arrivati ​​lì e assicurati che non accada di nuovo!

Gli Acari tetranichidi nelle piante, sono un bel grattacapo ma con i giusti consigli e una buona pratica si possono salvare i raccolti. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*