Afidi nelle piante

Come combattere gli afidi sulle piante di marijuana? Gli afidi nelle piante, è in particolare in quelle della Marijuana, sono un problema per i coltivatori perché si nutrono succhiando la linfa delle piante, attraverso il tessuto vegetale.

Afidi nelle piante, cosa c’è da sapere per evitarli?

La prima domanda da farsi è, cosa sono gli afidi? Vale sempre il detto “conosci il tuo nemico e la vittoria è sicura”. Gli afidi sono parassiti che formano una sottofamiglia nell’ordine degli insetti Hemiptera. Come molti altri insetti, possono rappresentare un parassita grave in molte specie vegetali, oltre ad essere un insetto che può anche trasportare diversi virus e malattie

Come sono fatti

Facile da riconoscere, sono piccoli insetti di diversi colori (giallo, nero o verde) con dimensioni da 1 a 3 mm. Il corpo è ovoidale, con 3 parti difficili da distinguere (testa, torace e addome). Possono mancare le ali o avere due paia di ali membranose e trasparenti. Nella parte finale dell’addome hanno due piccole appendici che secernono repellenti per i loro predatori naturali.

Di solito si trovano sul lato inferiore delle foglie e degli steli, formando grandi colonie di decine (o centinaia) di individui. Possono sviluppare relazioni simbiotiche con altri insetti come formiche o api.

Gli afidi secernono una sostanza zuccherina dall’ano – simile alla melassa – che viene utilizzata dalle formiche, che a loro volta proteggono gli afidi dai predatori. Qualcosa di simile accade con le api, che incorporano questa sostanza nel loro miele.

Propagazione degli afidi

Gli afidi possono aver bisogno di una sola pianta per completare il loro ciclo di vita (ciclo monoico) o due diverse piante (ciclo dioico). Possono riprodursi deponendo le uova (riproduzione sessuale, coinvolgendo femmine e maschi, che sono più piccoli) o asessualmente (partenogenesi).

Il loro periodo di riproduzione è breve e possono rapidamente diventare un problema serio. All’aperto, le uova rimangono generalmente dormienti durante tutto l’inverno e fino a quando le condizioni meteorologiche per la schiusa non sono ottimali.

Tuttavia, se coltivate nelle growbox, il pericolo sarà continuo e può avere gravi conseguenze se il parassita non viene trattato in tempo. Gli afidi di solito rimangono sulla stessa pianta che hanno colonizzato fino a quando le condizioni non sono più favorevoli, in questo momento le femmine sono in grado di produrre una prole alata che migra verso un’altra pianta.

Sintomi e danni di un infestazione di afidi

Afidi nelle piante

Gli afidi si nutrono usando la bocca che succhia il tessuto vegetale e succhia la linfa della pianta. Come accennato in precedenza, e oltre al danno diretto causato alla pianta dalla loro azione di suzione, dobbiamo anche aggiungere il rischio di essere infettati da un virus della pianta o da un’altra malattia.

Non strappando il tessuto vegetale per nutrirsi, è molto difficile vedere alcun segno di peste, poiché non lasciano segni come fanno altri insetti (acari di ragno, tripidi, ecc.).

Primi sintomi

Il primo sintomo che osserveremo è l’effettiva presenza di afidi sulle piante, poiché sono facilmente visibili ad occhio nudo. Possiamo anche individuare come alcune foglie ingialliscono e si seccano, anche la comparsa di escrementi (melassa) che possono portare diverse malattie e funghi come la muffa fuligginosa (Fumaginas sp.).

La presenza di formiche (Asus Niger) può anche essere un sintomo di afidi sulla pianta, poiché si nutrono della melata secreta dagli afidi e si prendono cura di loro, fungendo da pastore con il gregge.

Pertanto, gli afidi possono rappresentare una minaccia che può rovinare un raccolto per la sua facilità di riproduzione e spostamento, oltre alla loro capacità di trasportare e trasmettere malattie e virus. Gli afidi amano i climi caldi e la secchezza ambientale, essendo la primavera-estate il periodo di riproduzione naturale. 

Prevenzione e controllo degli afidi

Come sempre, ci soffermiamo sull’importanza della prevenzione per affrontare i vari parassiti che possono colpire le piante, soprattutto se utilizziamo tende da coltivazione, che di solito sono ideali come habitat di propagazione. 

  • Mantenere il giardino pulito, eliminare le erbacce e i detriti delle piante in decomposizione.
  • L’associazione benefica di piante: caprifoglio, lupino, foxglove, ortiche, calendule o assenzio.
  • Insetticidi naturali come sapone di potassio, olio di neem o piretrine spruzzati regolarmente sulle piante aiutano sempre a prevenire le infestazioni di insetti, anche i funghi in alcuni casi. 
  • Predatori naturali, il parassita Afidius Colemani (una piccola vespa di 3-4 mm) si nutre principalmente di afidi.

Se è già presente una piccola infestazione di afidi, utilizzare i rimedi naturali e biologici è sempre preferibile rispetto a quelli chimici. Possiamo ricorrere a i suoi predatori naturali, tuttavia è difficile controllare un’infestazione semplicemente usando i predatori.

In aggiunta se non funzionano si può provare ad utilizzare altri trattamenti come ad esempio, spruzzare il rotenone, la farina di ortica o l’aglio o un insetticida a base di tabacco fatto in casa (la nicotina è un potente veleno usato in molti insetticidi). 

Sostanze chimiche

Nel caso in cui abbiamo bisogno di usare sostanze chimiche, cerchiamo di usare sostanze possibilmente il più rispettose dell’ambiente ma soprattutto che non sia efficace contro i predatori naturali degli Afidi. In questo caso è meglio usare un insetticida sistemico che rimarrà sulla pianta per alcune settimane e avvelenerà qualsiasi insetto che si nutre di esso. Come sempre la prevenzione è sempre l’opzione migliore. 

Conclusione

Il modo migliore per evitare i parassiti è seguire una serie di semplici passaggi che impediranno la loro proliferazione e che ti farà risparmiare molto lavoro, permettendoti di godere di un raccolto sano e naturale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*