Quanto è importante il fosforo nelle piante

Oggi vi vogliamo parlare di quanto è importante il fosforo nelle piante durante la coltivazione delle piante di canapa. Questo elemento è importantissimo in molti processi nella pianta ed è particolarmente importante per lo sviluppo radicale nello stadio iniziale, per rafforzare lo stelo, per la resistenza alle malattie, l’assorbimento dei nutrienti, la formazione e la resa dei fiori.

Quanto è importante il fosforo nelle piante di canapa?

Quanto è importante il fosforo nelle piante

Il fosforo funge da catalizzatore per supportare importanti reazioni biochimiche richieste per la crescita della cannabis, come: fotosintesi, metabolismo della cannabis e assorbimento di nutrienti. Ad esempio, la più importante reazione chimica in natura, la fotosintesi, utilizza l’energia della luce per generare strutture chimiche chiamate adenosina difosfato (ADP) e adenosina tri fosfato (ATP).

Queste molecole contenenti fosfato ad alta energia, guidano tutte le reazioni biochimiche necessarie (usando un processo chiamato fosforilazione) per supportare i trasferimenti interni di energia e facilitare la divisione cellulare (cioè la crescita della cannabis). Questo processo avviene durante l’intero ciclo di vita della pianta di cannabis dalla germinazione alla fioritura. 

Principali vantaggi del fosforo:

Le piante possono svolgere diverse azioni biochimiche dall’assunzione di questo macronutriente, come respirare o sintetizzare proteine e carboidrati, il che si traduce in:Fosforo

  • Sviluppo radicale migliorato.
  • Migliore utilizzo dell’acqua nel substrato.
  • Più resistenza e salute generale della pianta.
  • Steli più forti.
  • Migliore resistenza a gelate, malattie e parassiti.
  • La durata del periodo vegetativo è significativamente ridotta data la crescita esplosiva prodotta da una rapida crescita delle radici.
  • Migliori rese e qualità di gemme e semi.
  • Ha un ruolo diretto nella produzione di carboidrati, migliorando la produzione di zuccheri, amidi, ecc. questo si traduce in infiorescenze di qualità.

Quanto è importante il fosforo nelle piante, ecco altri motivi…

L’assunzione di nutrienti è un’altra funzione fondamentale che è facilitata dall’ATP (energia), perché questo processo richiede il trasporto attivo di nutrienti per contrastare le forze osmotiche all’interno e all’esterno della membrana cellulare vegetale.

L’ATP è anche la fonte di energia che consente la sintesi di molti componenti cellulari chiave, tra cui fosfoproteine, fosfolipidi e fosfati di zucchero. Il fosforo è vitale per mantenere l’integrità genetica della pianta di cannabis da una generazione all’altra. 

La carenza di fosforo cosa comporta?

Quanto è importante il fosforo nelle pianteLa carenza di fosforo può compromettere la capacità della pianta di assorbire altri nutrienti essenziali e può ridurre significativamente la salute della cannabis, l’immunità alle malattie, la qualità delle colture e il raccolto.

Le piante di cannabis che sono carenti di fosforo presentano spesso una crescita stentata e possono presentare sintomi come lo scolorimento delle foglie. Questo accade, perché quando il fosforo è carente, gli zuccheri si accumulano e causano lo sviluppo di pigmenti di antociani, producendo talvolta un colore rosso-violaceo.

Una carenza di questo elemento influisce sulla pianta nel modo seguente:

  • Crescita ritardata delle foglie più piccole.
  • Gli steli, i piccioli e le altre parti della pianta diventano viola.
  • Le foglie più colpite diventano necrotiche, diventano viola o bronzo, si seccano e si raggrinziscono e infine cadono dalla pianta.
  • I germogli sono più piccoli e non si sviluppano come dovrebbero.
  • Le piante sono più sensibili a qualsiasi tipo di parassita o malattia causata da funghi, insetti, virus …

Come risolvere la carenza di fosforo

  • Dobbiamo regolare il PH del substrato su un intervallo di 5,5-6,5, a seconda del tipo di substrato utilizzato: nei sistemi idroponici questo intervallo va da 5,5 a 6,2, a seconda dello stadio di crescita.
  • Un eccesso di altri elementi come zinco o ferro bloccherà l’assorbimento del fosforo, causando un blocco dei nutrienti. Per correggere questo problema dobbiamo irrigare le radici con un PH stabile in base alla fase di crescita e quindi innaffiare con un fertilizzante bilanciato ricco di fosforo.
  • I nutrienti utilizzati per risolvere il blocco dei nutrienti possono essere di composizione organica o minerale, essendo i fertilizzanti minerali quelli a più rapido assorbimento da parte della pianta.

Come risolvere un eccesso di fosforo

Un eccesso di fosforo colpisce la pianta provocando un massiccio blocco dei nutrienti di altri elementi come calcio, rame, ferro, magnesio e zinco, essendo lo zinco il primo microelemento ad essere bloccato. In questo modo, dobbiamo verificare la presenza di carenze di altri elementi per diagnosticare correttamente un eccesso di fosforo e sapere quanto sia grave. Se rileviamo un eccesso di questo elemento dovremmo lavare le radici con una quantità d’acqua tre volte superiore alla capacità dei vasi. Esistono anche prodotti per abbattere i sali per facilitare il risciacquo delle radici, che dovrebbero essere sempre utilizzati con un livello di PH adeguato a seconda della fase di vita della pianta.

Quanto è importante il fosforo nelle piante lo abbiamo visto, ora sta a voi verificare se le vostre piante sono carenti e provvedere!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*